Pedana stabilometrica e baropodometrica per la visita posturale
Categoria: Blog
Pubblicata il: 18 aprile 2017

Possono i recettori sensoriali del corpo, come ad esempio gli occhi, la pelle, i muscoli della testa, ma anche alcuni fattori psicosomatici, condizionare il nostro benessere fisico?


Assolutamente sì e spesso anche in maniera molto profonda.
Da questo nasce l’esigenza di una disciplina che sia in grado di studiare quali fattori intervengono nel benessere generale dell’organismo e in che modo questi possono essere riequilibrati. La disciplina che valuta e studia il sistema tonico posturale del corpo umano, con l’obiettivo di mantenere costantemente in equilibrio il centro di gravità corporeo, sia in condizioni statiche che dinamiche, utilizzando le informazioni che arrivano proprio dai recettori sensoriali del corpo è la Posturologia.

Ma quali sintomi ci indicano che il nostro organismo ha bisogno di una visita posturale?

Anche se i difetti nell’equilibrio posturale possono causare, potenzialmente, una grande molteplicità di disturbi, è possibile individuarne alcuni più frequenti. Primo fra tutti, ovviamente, il mal di schiena che colpisce circa 15 milioni di persone e rappresenta, pensate, la causa più frequente di assenza dal lavoro. Strettamente interconnessi al mal di schiena sono i disturbi della cervicale, dovuta alla contrazione cronica dei muscoli di quella zona, che frequentemente si accompagna a disfunzioni temporomandibolari e a cefalea. Proprio la cefalea è un altro dei disturbi che possono essere causati dagli squilibri posturali; ma molto frequenti sono anche i casi di artrosi, ernia del disco, dolori muscolari al risveglio, malocclusione, vertigini, lombalgia, sciatalgia, strabismo e persino disturbi viscerali.

Così il posturologo dovrà per prima cosa individuare la causa primaria del disturbo e quelle che ad essa si legano.

Indispensabile è allora approfondire l’esame della postura con l’utilizzo di una pedana stabilometrica e baropodometrica, in grado di studiare il comportamento della proiezione del baricentro nel piano d'appoggio e la diversa ripartizione dei carichi di appoggio sulla superficie plantare. Ma va da sé che un’indagine posturale risulta più efficace quando viene condotta da un team multidisciplinare - odontoiatri, fisioterapisti, osteopati, medici dello sport, ortopedici, otorinolaringoiatri, podologi, oculisti, psicologi – con un unico, comune obiettivo: recuperare l’equilibrio e il benessere psico-fisico del paziente!

A cura della dott.ssa Luna Sicolo

Contatta il Centro Riabilitazione Oggi chiamando il numero 080 374 2816 o scrivi in privato su questa pagina per risolvere definitivamente il tuo problema.