Categoria: Blog
Pubblicata il: 25 agosto 2021

Hai sentito da poco un fastidio al tallone? È possibile che si possa trattare di fascite plantare, un problema tanto comune quanto irritante. Evitare questa patologia è una buona idea; chiunque ne abbia sofferto potrà testimoniare quanto sia debilitante.

Quindi, come si può evitare la fascite plantare e cosa si può fare per ridurla se hai iniziato ad avvertirne i sintomi?

Cos’è la fascite plantare?

La fascite plantare è una condizione del piede generalmente sperimentata dai runner ed è rappresentata da un sottile legamento che connette il tallone con la punta del piede. Una pressione ripetuta sul legamento può provocare numerose piccole lacerazioni nella fascia plantare, che causano poi l'infiammazione e il dolore.

Chi soffre di questo disturbo sperimenta generalmente un acutizzarsi del dolore quando si alza di mattina. Può anche diventare insopportabile quando si sta in piedi per troppo tempo.

Durante le prime fasi della fascite plantare, vi sembrerà di avere un nodulo nel calcagno. Se non viene trattata, può condurre gradualmente a dolori lancinanti al tallone quando si cammina, per arrivare addirittura a un malessere costante.

Come evitare la fascite plantare

Esistono una serie di misure valide per evitarla, utili anche nei primi stadi della condizione:

  • Riposo: in caso di fastidio durante o dopo l’allenamento, bisognerebbe concedersi subito una pausa o evitare di correre, saltare e svolgere altri sport d’impatto per un paio di settimane. 
  • Evitare scarpe scomode: tacchi, scarpe strette in punta e senza supporto possono contribuire a peggiorare la situazione. In caso di fascite plantare, bisogna necessariamente optare per un paio di scarpe traspiranti, a pianta larga e con un tacco basso.
  • Valutare scarpe da corsa con un buon sostegno: per evitare la fascite plantare è fondamentale indossare scarpe da corsa ammortizzate che assorbano gli urti.
  • Indossare plantari: in particolar modo se si hanno i piedi piatti, si possono ottenere innumerevoli benefici dall’uso di plantari, che garantiscono un supporto superiore rispetto alle scarpe formali.